Dalpiazia stromeri

CHECCHIA-RISPOLI, 1933


Classification: Elasmobranchii Rajiformes Sclerorhynchidae

Reference of the original description
CHECCHIA-RISPOLI, B. (1933)
Di un nuevo genere di «Pristidae» del Cretaceo superiore della Tripolitania. Memorie della Reale Accademia italiana, Classe Scienze Fisiche Mathematiche e Naturale, 4 (1): 1–6, 1 pl.

Image of the original description

Dalpiazia stromeri sp. nov., holotype, Fig. 1-5 in Checchia-Rispoli (1933)

Synonyms / new combinations and misspellings
Dalpiazia maroccana, Onchosaurus cf. maroccanus, Onchosaurus manzadinensis, Onchosaurus maroccanus, Onchosaurus (Ischirhiza) maroccanus, Onchosaurus (Ischyrhiza) maroccanus, Onchosaurus (Ischyrhiza) stromeri

Types
Dalpiazia stromeri



Description:


Citation: Dalpiazia stromeri CHECCHIA-RISPOLI, 1933: In: Database of fossil elasmobranch teeth www.shark-references.com, World Wide Web electronic publication, Version 06/2021

No image available.
Please send your images of "Dalpiazia stromeri" to
info@shark-references.com

Description
Original diagnose after Checchia-Rispoli (1933) p. 2-3 [451]: L'Ittiolite, qui descritto, è un dente rostrale, che per la forma generale si deve ritenere uno dei denti della serie di sinistra. del rostro. La sua lunghezza totale è di 22 millimetri circa; la larghezza massima è di mm. 10, la minima di mm. 5. Esso è appiattito dorso-ventralmente ed asimmetrico rispetto al suo asse longitudinale, essendo sensibilmente incurvato verso il basso. La punta, coperta di smalto, ha la forma di triangolo inequilatero, col lato posteriore meno inclinato e più corto dell'anteriore, che è fortemente obliquo rispetto all'asse maggiore del dente. I due lati quasi rettilinei convergono in. una punta, ché è arrotondata per il logorio subito quando l'animale era ancora vivente. La linea limite dello smalto è retta ed obliqua rispetto all'asse trasversale, essendo diretta dall'indietro all'avanti e dall'esterno verso l'interno (rispetto al rostro). La corona è fortemente appiattita e si assottiglia. verso i lati sino a diventare tagliente e trasparente. Il lato posteriore termina in un adunco uncinetto, quello anteriore in Un angolo ottuso poco sporgente ed arrotondato. Oltre la linea dello smalto, il dente si restringe formando come un collo: in . questo punto corrisponde là minore larghezza; poi si slarga, piuttosto bruscamente, come la palma di una roano, passando alla parte radicale o zoccolo, che è molto robusto. La parte terminale dello zoccolo è divisa per tutta la sua larghezza da un largo solco (fìg. 5), che è più profondo verso i lati che nel mezzo e posteriormente anziché anteriormente: detto solco molto attenuato si continua sia verso il lato anteriore che verso quello posteriore del dente, scomparendo completamente verso il collo. Le due. branche. sono divaricate: quella superiore è sensibilmente più lunga e più larga della inferiore. La prima presenta cinque scanalature ben marcate, su per giù della stessa lunghezza, corte e limitate alla parte slargata dello zoccolo, essendo il collo del tutto liscio. Le scanalature determinano sei lobi dattili formi, saldati fra di loro, mentre le sole estremità più o meno arrotondate sporgono liberamente sul contorno basale, Nessuna traccia di solchi si osserva sulla parte interna della branca. Il lobo posteriore è il più robusto di tutti; l'anteriore è un po' meno .sviluppato; i quattro mediani più piccoli sono eguali fra di loro. La branca inferiore, più stretta e un po' più corta dell'altra, presenta solamente quattro docce, che determinano cinque lobi, di cui gli esterni, presso a poco uguali in robustezza, sono più sviluppati dei tre mediani. La base dello zoccolo è quadrangolare ed il dente si tiene diritto se è poggiato su di un piano. Tutta la faccia superiore o dorsale del dente è pianeggiante; l'inferiore o ventrale è largamente concava.

Remarks
type species of Dalpiazia Checchia-Rispoli, 1933 p. 1 [451] by original designation (Art. 68.2 ICZN);

valid after Checchia-Rispoli (1933) p. 1 [451]; Cappetta (1972) p. 198 [315]; Antunes & Cappetta (2002) p. 129 [72]

References
CORRAL, J.C. & BERRETEAGA, A. & CAPPETTA, H. (2016)
Upper Maastrichtian shallow marine environments and neoselachian assemblages in North Iberian palaeomargin (Castilian Ramp, Spain). Cretaceous Research, 57: 639–661
DOI: 10.1016/j.cretres.2015.08.001
PEREDA-SUBERBIOLA, X. & CORRAL, J.C. & ASTIBIA, H. & BADIOLA, A. & BARDET, N. & BERRETEAGA, A. & BUFFETAUT, E. & BUSCALIONI, A.D. & CAPPETTA, H. & CAVIN, L. & DÍEZ DÍAZ, V. & GHEERBRANT, E. & MURELAGA, X. & ORTEGA, F. & PÉREZ-GARCÍA, A. & POYATO-ARIZA, F. & RAGE, J.-C. & SANZ, J.L. & TORICES, A. (2015)
Late Cretaceous continental and marine vertebrate assemblages of the Laño Quarry (Basque-Cantabrian Region, Iberian Peninsula): an update. Journal of Iberian Geology, 41: 101–124
CAPPETTA, H. & BARDET, N. & PEREDA SUBERBIOLA, X. & ADNET, S. & AKKRIM, D. & AMALIK, M. & BENABDALLAH, A. (2014)
Marine vertebrate faunas from the Maastrichtian phosphates of Benguérir (Ganntour Basin, Morocco): Biostratigraphy, palaeobiogeography and palaeoecology. Palaeogeography, Palaeoclimatology, Palaeoecology, 409: 217–238
DOI: 10.1016/j.palaeo.2014.04.020
WUERINGER, B.E. & SQUIRE, L. & COLLIN, S.P. (2009)
The biology of extinct and extant sawfish (Batoidea: Sclerorhynchidae and Pristidae). Reviews in Fish Biology and Fisheries, 19 (4): 445–464
DOI: 10.1007/s11160-009-9112-7
ANTUNES, M.T. & CAPPETTA, H. (2002)
Sélaciens du Crétacé (Albien-Maastrichtien) d'Angola. Palaeontographica, Abt. A, 264 (5–6): 85–146, 3 fig., pl. 1–12.
ZALMOUT, I.S. & MUSTAFA, H.A. (2001)
A selachian fauna from the Late Cretaceous of Jordan. Abhath Al–Yamouk Basic Sciences and Engineering, 10 (2b): 374–434, 3 fig., pl. 1–9
CAPPETTA, H. & PFEIL, F.H. & SCHMIDT-KITTLER, N. (2000)
New biostratigraphical data on the marine Upper Cretaceous and Palaeogene of Jordan. Newsletters on Stratigraphy, 38: 81–95.
BARDET, N. & CAPPETTA, H. & PEREDA SUBERBIOLA, X. & MOUTY, M. & AL-MALEH, A.K. & AHMAD, A.M. & KHRATA, O. & GANNOUM, N. (2000)
The marine vertebrate faunas from the Late Cretaceous phosphates of Syria. Geological Magazine, 137 (3): 269–290
MUSTAFA, H.A. & ZALMOUT, I.S. (1999)
Elasmobranchii from the late Cretaceous of Jordan. Abstract. Journal of Vertebrate Paleontology, 19 (Supplement to Number 3): 87A
CAPPETTA, H. & CORRAL, J.C. (1999)
Upper Maastrichtian selachians from the Condado de Treviño (Basque-Cantabrian region, Iberian peninsula). Estudios del Museo de Ciencias Naturales de Alava, 14 (N° Esp. 1): 339–372, 4 fig., 2 tabl., pl. 1–7.
CAPPETTA, H. (1991)
Découverte de nouvelles faunes de sélaciens (Neoselachii) dans les phosphates maastrichtiens de la Mer Rouge, Egypte. Münchner Geowissenschaftliche Abhandlungen Reihe A: Geologie und Paläontologie, 19: 17–56, 2 fig., 1 tab., 10 pl.
CAPPETTA, H. (1972)
Les poissons crétacés et tertiaires du bassin des Iullemmeden (République du Niger). Palaeovertebrata, 5 (5): 179–251, 10 fig., 13 pl.
ANTUNES, M.T. (1964)
Neocretácio e o Cenozóico do Litoral de Angola. Junta Invest. Ultramar, Lisboa, 254 pp, 27 pl., 25 tabl.
DARTEVELLE, E. & CASIER, E. (1959)
Les poissons fossiles du Bas-Congo et des régions voisines. Annales du Musée du Congo Belge, Sér. A (Minéralogie Géologie, Paléontologie), 3, 2 (3): 257–568, fig. 77–98, pl. 23–39.
ARAMBOURG, C. (1952)
Les vertébrés fossiles des gisements de phosphates (Maroc-Algérie-Tunisie). Notes et Mémoires du Service Géologique du Maroc, 92: 1–372, 62 fig., 44 pl.
AMBROGGI, R. & ARAMBOURG, C. (1951)
Sur le Maestrichtien et l'Eocène inférieur de la vallée du Sous (Sud-Marocain). Comptes Rendus de l'Académie des Sciences, 232: 170–171
DARTEVELLE, E. & CASIER, E. (1943)
Les poissons fossiles du Bas-Congo et des régions voisines. Annales du Musée du Congo Belge, Sér. A (Minéralogie Géologie, Paléontologie), 3, 2 (1): 1–200, fig. 1–60, pl. 1–16.
ARAMBOURG, C. (1940)
Le groupe des Ganopristinés. Bulletin de la Société géologique de France, 10 (5): 127–147, 12 fig., 2 pl.
ARAMBOURG, C. (1940)
Le groupe des Ganopristinés. Bulletin de la Société géologique de France, 10 (5): 127–147, 12 fig., 2 pl.
ARAMBOURG, C. (1935)
Note préliminaire sur les vertébrés fossiles des phosphates du Maroc. Bulletin de la Société géologique de France, 5 (5): 413–439, 2 fig., 2 pl.
CHECCHIA-RISPOLI, B. (1933)
Di un nuevo genere di «Pristidae» del Cretaceo superiore della Tripolitania. Memorie della Reale Accademia italiana, Classe Scienze Fisiche Mathematiche e Naturale, 4 (1): 1–6, 1 pl.