Dalpiazia stromeri

Checchia-Rispoli, 1933


Classification: Elasmobranchii Rajiformes Sclerorhynchidae

Reference of the original description
Checchia-Rispoli, B. (1933)
Di un nuevo genere di «Pristidae» del Cretaceo superiore della Tripolitania. Memorie della Reale Accademia italiana, Classe Scienze Fisiche Mathematiche e Naturale, 4(1): 1–6, 1 pl.

Image of the original description

Dalpiazia stromeri sp. nov., holotype, Fig. 1-5 in Checchia-Rispoli (1933)

Synonyms / new combinations and misspellings
Dalpiazia maroccana, Onchosaurus cf. maroccanus, Onchosaurus manzadinensis, Onchosaurus maroccanus, Onchosaurus (Ischirhiza) maroccanus, Onchosaurus (Ischyrhiza) maroccanus, Onchosaurus (Ischyrhiza) stromeri

Types
Dalpiazia stromeri



Description:


Citation: Dalpiazia stromeri Checchia-Rispoli, 1933: In: Database of fossil elasmobranch teeth www.shark-references.com, World Wide Web electronic publication, Version 08/2021

No image available.
Please send your images of "Dalpiazia stromeri" to
info@shark-references.com

Description
Original diagnose after Checchia-Rispoli (1933) p. 2-3 [451]: L'Ittiolite, qui descritto, è un dente rostrale, che per la forma generale si deve ritenere uno dei denti della serie di sinistra. del rostro. La sua lunghezza totale è di 22 millimetri circa; la larghezza massima è di mm. 10, la minima di mm. 5. Esso è appiattito dorso-ventralmente ed asimmetrico rispetto al suo asse longitudinale, essendo sensibilmente incurvato verso il basso. La punta, coperta di smalto, ha la forma di triangolo inequilatero, col lato posteriore meno inclinato e più corto dell'anteriore, che è fortemente obliquo rispetto all'asse maggiore del dente. I due lati quasi rettilinei convergono in. una punta, ché è arrotondata per il logorio subito quando l'animale era ancora vivente. La linea limite dello smalto è retta ed obliqua rispetto all'asse trasversale, essendo diretta dall'indietro all'avanti e dall'esterno verso l'interno (rispetto al rostro). La corona è fortemente appiattita e si assottiglia. verso i lati sino a diventare tagliente e trasparente. Il lato posteriore termina in un adunco uncinetto, quello anteriore in Un angolo ottuso poco sporgente ed arrotondato. Oltre la linea dello smalto, il dente si restringe formando come un collo: in . questo punto corrisponde là minore larghezza; poi si slarga, piuttosto bruscamente, come la palma di una roano, passando alla parte radicale o zoccolo, che è molto robusto. La parte terminale dello zoccolo è divisa per tutta la sua larghezza da un largo solco (fìg. 5), che è più profondo verso i lati che nel mezzo e posteriormente anziché anteriormente: detto solco molto attenuato si continua sia verso il lato anteriore che verso quello posteriore del dente, scomparendo completamente verso il collo. Le due. branche. sono divaricate: quella superiore è sensibilmente più lunga e più larga della inferiore. La prima presenta cinque scanalature ben marcate, su per giù della stessa lunghezza, corte e limitate alla parte slargata dello zoccolo, essendo il collo del tutto liscio. Le scanalature determinano sei lobi dattili formi, saldati fra di loro, mentre le sole estremità più o meno arrotondate sporgono liberamente sul contorno basale, Nessuna traccia di solchi si osserva sulla parte interna della branca. Il lobo posteriore è il più robusto di tutti; l'anteriore è un po' meno .sviluppato; i quattro mediani più piccoli sono eguali fra di loro. La branca inferiore, più stretta e un po' più corta dell'altra, presenta solamente quattro docce, che determinano cinque lobi, di cui gli esterni, presso a poco uguali in robustezza, sono più sviluppati dei tre mediani. La base dello zoccolo è quadrangolare ed il dente si tiene diritto se è poggiato su di un piano. Tutta la faccia superiore o dorsale del dente è pianeggiante; l'inferiore o ventrale è largamente concava.

Remarks
type species of Dalpiazia Checchia-Rispoli, 1933 p. 1 [451] by original designation (Art. 68.2 ICZN);

valid after Checchia-Rispoli (1933) p. 1 [451]; Cappetta (1972) p. 198 [315]; Antunes & Cappetta (2002) p. 129 [72]

References
Corral, J.C. & Berreteaga, A. & Cappetta, H. (2016)
Upper Maastrichtian shallow marine environments and neoselachian assemblages in North Iberian palaeomargin (Castilian Ramp, Spain). Cretaceous Research, 57, 639–661
DOI: 10.1016/j.cretres.2015.08.001
Pereda-Suberbiola, X. & Corral, J.C. & Astibia, H. & Badiola, A. & Bardet, N. & Berreteaga, A. & Buffetaut, E. & Buscalioni, A.D. & Cappetta, H. & Cavin, L. & Díez Díaz, V. & Gheerbrant, E. & Murelaga, X. & Ortega, F. & Pérez-García, A. & Poyato-Ariza, F.J. & Rage, J.-C. & Sanz, J.L. & Torices, A. (2015)
Late Cretaceous continental and marine vertebrate assemblages of the Laño Quarry (Basque-Cantabrian Region, Iberian Peninsula): an update. Journal of Iberian Geology, 41: 101–124
Cappetta, H. & Bardet, N. & Pereda Suberbiola, X. & Adnet, S. & Akkrim, D. & Amalik, M. & Benabdallah, A. (2014)
Marine vertebrate faunas from the Maastrichtian phosphates of Benguérir (Ganntour Basin, Morocco): Biostratigraphy, palaeobiogeography and palaeoecology. Palaeogeography, Palaeoclimatology, Palaeoecology, 409, 217–238
DOI: 10.1016/j.palaeo.2014.04.020
Wueringer, B.E. & Squire, L. & Collin, S.P. (2009)
The biology of extinct and extant sawfish (Batoidea: Sclerorhynchidae and Pristidae). Reviews in Fish Biology and Fisheries, 19(4): 445–464
DOI: 10.1007/s11160-009-9112-7
Antunes, M.T. & Cappetta, H. (2002)
Sélaciens du Crétacé (Albien-Maastrichtien) d'Angola. Palaeontographica, Abt. A, 264(5–6): 85–146, 3 fig., pl. 1–12.
Zalmout, I.S. & Mustafa, H.A. (2001)
A selachian fauna from the Late Cretaceous of Jordan. Abhath Al–Yamouk Basic Sciences and Engineering, 10(2b): 374–434, 3 fig., pl. 1–9
Cappetta, H. & Pfeil, F.H. & Schmidt-Kittler, N. (2000)
New biostratigraphical data on the marine Upper Cretaceous and Palaeogene of Jordan. Newsletters on Stratigraphy, 38: 81–95.
Bardet, N. & Cappetta, H. & Pereda Suberbiola, X. & Mouty, M. & Al-Maleh, A.K. & Ahmad, A.M. & Khrata, O. & Gannoum, N. (2000)
The marine vertebrate faunas from the Late Cretaceous phosphates of Syria. Geological Magazine, 137(3): 269–290
Mustafa, H.A. & Zalmout, I.S. (1999)
Elasmobranchii from the late Cretaceous of Jordan [Abstract]. Journal of Vertebrate Paleontology, 19(Supplement to Number 3), 87A
Cappetta, H. & Corral, J.C. (1999)
Upper Maastrichtian selachians from the Condado de Treviño (Basque-Cantabrian region, Iberian peninsula). Estudios del Museo de Ciencias Naturales de Alava, 14(N° Esp. 1): 339–372, 4 fig., 2 tabl., pl. 1–7.
Cappetta, H. (1991)
Découverte de nouvelles faunes de sélaciens (Neoselachii) dans les phosphates maastrichtiens de la Mer Rouge, Egypte. Münchner Geowissenschaftliche Abhandlungen Reihe A: Geologie und Paläontologie, 19: 17–56, 2 fig., 1 tab., 10 pl.
Cappetta, H. (1972)
Les poissons crétacés et tertiaires du bassin des Iullemmeden (République du Niger). Palaeovertebrata, 5(5), 179–251
Antunes, M.T. (1964)
Neocretácio e o Cenozóico do Litoral de Angola. Junta Invest. Ultramar, Lisboa, 254 pp, 27 pl., 25 tabl.
Dartevelle, E. & Casier, E. (1959)
Les poissons fossiles du Bas-Congo et des régions voisines. Annales du Musée du Congo Belge, Sér. A(Minéralogie Géologie, Paléontologie), 3, 2(3): 257–568, fig. 77–98, pl. 23–39.
Arambourg, C. (1952)
Les vertébrés fossiles des gisements de phosphates (Maroc-Algérie-Tunisie). Notes et Mémoires du Service Géologique du Maroc, 92: 1–372, 62 fig., 44 pl.
Ambroggi, R. & Arambourg, C. (1951)
Sur le Maestrichtien et l'Eocène inférieur de la vallée du Sous (Sud-Marocain). Comptes Rendus de l'Académie des Sciences, 232: 170–171
Dartevelle, E. & Casier, E. (1943)
Les poissons fossiles du Bas-Congo et des régions voisines. Annales du Musée du Congo Belge, Sér. A(Minéralogie Géologie, Paléontologie), 3, 2(1): 1–200, fig. 1–60, pl. 1–16.
Arambourg, C. (1940)
Le groupe des Ganopristinés. Bulletin de la Société géologique de France, 10(5), 127–147
Arambourg, C. (1940)
Le groupe des Ganopristinés. Bulletin de la Société géologique de France, 10(5), 127–147
Arambourg, C. (1935)
Note préliminaire sur les vertébrés fossiles des phosphates du Maroc. Bulletin de la Société géologique de France, 5(5), 413–439
Checchia-Rispoli, B. (1933)
Di un nuevo genere di «Pristidae» del Cretaceo superiore della Tripolitania. Memorie della Reale Accademia italiana, Classe Scienze Fisiche Mathematiche e Naturale, 4(1): 1–6, 1 pl.